Sonos: la Guida Alexa (Musica)

aleitalia sonos play3

Sonos e Alexa: cosa c’è da sapere su Sonos? Quali altoparlanti possono essere collegati ad Alexa? Questa guida farà chiarezza su Sonos.

Sonos è stata fondata nel 2005 e continua ad essere il nome più grande nel settore dei diffusori multiroom. Con una gamma di altoparlanti, una rete domestica intelligente e una fantastica reputazione per la qualità audio, Sonos è rimasto leader praticamente indiscusso negli ultimi dieci anni quando si tratta di sistemi musicali “normali”. Dato che Apple HomePod, la serie Amazon Echo e gli specialisti audio come Bose, JBL, Naim e Denon ora hanno tutti delle alternative speciali per i Sonos, oggi vogliamo guardare a Sonos in collaborazione con Alexa. Cosa rende speciali gli altoparlanti Sonos?

Sonos: la Guida di Alexa (Musica)

Sonos è così facile da configurare, sia che tu voglia un altoparlante, una coppia stereo o altoparlanti sincronizzati in stanze diverse. La varietà di opzioni di riproduzione è mozzafiato – si accompagna a musica locale, servizi di streaming, radio Internet, audio TV e altro ancora. Ci sono opzioni più economiche in termini di costo, ma sicuramente il valore corrisponde al costo.

Manca qualcosa sul fronte della Smart Home rispetto ai suoi rivali dedicati, ma questa è un’area in costante miglioramento – non solo con i suoi diffusori Alexa integrati, ma anche aprendosi ad altri ecosistemi come Google Home.

Sonos: Che cosa può fare l’altoparlante intelligente?

Sonos ha iniziato la sua vita nel 2005 come telecomando (con display) e box amplificatore – lo ZP100 – che collegava efficacemente gli altoparlanti normali. Lo ZP100 disponeva di connettività Ethernet e Wi-Fi, il controller poteva trasmettere in streaming la musica digitale memorizzata localmente e utilizzare alcuni servizi radio via Internet.

Oggi, Sonos è praticamente una collezione di altoparlanti collegati (anche se lo ZP100 continua ancora a vivere) che si collegano a un’applicazione – mobile o desktop – in modo da poter trasmettere la tua musica da una varietà di fonti. È possibile avere un solo altoparlante Sonos nella propria configurazione, ma il divertimento inizia quando si inizia a combinarli.

 

Impostare e collegare sonos con Alexa

Sia che tu stia impostando un singolo Altoparlante Sonos che tu stia collegando una serie di altoparlanti (ne puoi avere un massimo di 32, tra l’altro), stai iniziando a configurare un account Sonos. Su un computer o dispositivo mobile che utilizza lo stesso Wi-Fi del tuo sistema Sonos, scarica l’applicazione Sonos e crea un account. Si viene guidati in tutto il processo.

La cosa migliore da fare è utilizzare il dispositivo iOS in modo da poter utilizzare la tecnologia True Play di Sonos’ Trueplay technology. Con esso, è possibile utilizzare il microfono dell’iPhone o iPad per calibrare il posizionamento degli altoparlanti per misurare i riflessi sonori provenienti dalle pareti della stanza, le dimensioni della stanza, la disposizione, i mobili, il posizionamento degli altoparlanti e qualsiasi altro fattore acustico che influisce sulla qualità del suono.

Ci vogliono alcuni minuti per girare nella stanza con il dispositivo iOS, poi l’applicazione regola il woofer e il tweeter dell’altoparlante per ottenere il miglior suono possibile. Certo, la Apple HomePod può fare tutto senza dover camminare in una stanza con un telefono in mano – ma questo significa il miglior suono possibile da qualsiasi altoparlante.

Camera multipla con Sonos

Dopo aver aggiunto tutti i diffusori Sonos, nominato e assegnato le stanze e impostato temi speciali come le coppie di diffusori stereo, con il multi-room il gioco è fatto.

È possibile scegliere di riprodurre diverse fonti musicali in stanze diverse, o altoparlanti raggruppati insieme in modo che suonino la stessa musica in perfetta sincronia allo stesso tempo. Una volta creati i gruppi, il sistema Sonos li ricorda fino a quando non vengono cancellati. Questa impostazione è semplicemente una scatola nell’app. È possibile creare tutti i gruppi che si desidera, ma un altoparlante può essere solo in un gruppo alla volta.

Questi gruppi rimangono intatti anche quando Sonos viene passato a un’altra fonte. Ad esempio, Amazon può associare dispositivi Echo con altoparlanti Sonos e creare gruppi in cui gli altoparlanti Sonos sono la riproduzione musicale predefinita per un comando che i dispositivi Echo ascoltano.

 

Bluetooth, Wi-Fi, Sonos “Boost” e altro ancora

Gli altoparlanti Sonos non sono altoparlanti Bluetooth, ma funzionano con la frequenza Wi-Fi a 2,4GHz. Questo significa maggiore portata, audio non compresso e migliore controllo in tutta la casa. Significa anche che gli altoparlanti stessi trasmettono l’audio in streaming invece di riprodurre solo ciò che il telefono li sta inviando.

Quando si imposta un altoparlante Sonos per la prima volta, questo funziona solo sulla rete WiFi di casa per impostazione predefinita. Gli altoparlanti devono avere un buon segnale del router per funzionare senza ritardi o interruzioni.

.

Ma è possibile migliorare la situazione creando una configurazione boost (a volte chiamata ‘Sonosnet‘). Si tratta di una rete separata a 2,4 GHz Rete mesh che funziona al di fuori del Wi-Fi domestico, mentre si utilizza la connessione del router al web per le sue fonti sonore basate su Internet.

È possibile farlo semplicemente collegando uno degli altoparlanti Sonos al router via Ethernet – ogni altoparlante Sonos ha la connessione. Questo trasforma l’altoparlante Sonos in un hub per la rete potenziata. Tuttavia, la migliore configurazione – anche se con un costo aggiuntivo – è quella di aggiungere al mix un Sonos Boost (99€): si tratta di uno speciale booster wireless che invia segnali a 360 gradi a tutti gli altri diffusori.

Cosa si può ascoltare su Sonos?

Sonos è nato come diffusore per la musica digitale memorizzata localmente, come gli MP3 memorizzati su un lettore o nella libreria iTunes. Ora, oltre a questo, offre molto di più. Tutti i principali servizi di streaming sono collegati tramite altoparlanti Sonos, tutto quello che dovete fare è sincronizzare i vostri account nell’app. Tra le altre cose:

Musica Amazon, Spotify, Apple Music, Deezer, Google Play Music, Soundcloud e Pandora.
Quando si tratta di radio, TuneIn o SiriusXM ti dà accesso a milioni di stazioni digitali da tutto il mondo.

Infine, è possibile utilizzare un dispositivo Sonos con opzione line-in o un diffusore TV Sonos con audio digitale ottico per trasmettere in streaming praticamente tutto ciò che si desidera, sia che si tratti del suono di un nastro magnetico o anche del vinile di un giradischi. Soprattutto con la musica analogica, il sistema Boost-System ne vale la pena.

Applicazione Sonos

L’applicazione Sonos, sul desktop, iOS o Android, non sempre viene elogiata. Una volta era difficile da utilizzare appieno, mentre ora è meno difficile, ma ancora non grande. Certo, ha tutto a posto e le caratteristiche – raggruppare gli altoparlanti, cercare canzoni e così via – ci sono tutte, ma molti non le trovano intuitive.

Ma Sonos sta diventando sempre più aperto – ad esempio, è possibile selezionare gli altoparlanti Sonos dall’app Spotify. Un’altra bella caratteristica dell’app è la possibilità di creare playlist con un mix di canzoni. È possibile riprodurre canzoni dal vostro NAS drive, Spotify, Apple Music…….. e mescolarle insieme. In App è possibile aggiungere preferiti (stazioni radio, playlist, ecc.), impostare timer o allarmi e personalizzare le impostazioni di Sonos.

 

Acquista diffusori Sonos: Dove e cosa?

Attualmente sono disponibili quattro diversi diffusori “home” Sonos, tutti con connettività standard Ethernet e Wi-Fi.

Sonos Play:1

Il più piccolo del gruppo, il Sonos Play:1, è ideale per camere da letto, cucine e simili – o in una stanza più grande come parte di una coppia di diffusori stereo.alexa sonos casa

Con un peso inferiore a 2 kg e un’altezza di soli 16 cm, il Play:1 offre audio in abbondanza per il suo costo, con due amplificatori digitali in classe D, un tweeter per una chiara risposta alle alte frequenze e un midrange driver per la gamma media vocale.

165€ su Amazon

Sonos Play:3

Il midrange stereo Play:3 è dotato di tre amplificatori in classe D e tre driver appositamente progettati per un palcoscenico sonoro impressionante; per le basse frequenze c’è anche un amplificatore dei bassi. Come Play:1, è disponibile in bianco e nero; è anche possibile combinare due Play:3 come diffusori in una configurazione stereo.

aleitalia sonos play3 aleitalia sonos play3

379€ su Amazon

Sonos Play:5

Il primo diffusore dedicato di Sonos, lo ZonePlayer S5, continua a vivere nell’ammiraglia Play:5. Dispone di sei amplificatori digitali in classe D, sei altoparlanti dedicati, tre tweeter e tre midrange.

Il Play:5 ha un ingresso posteriore per un sistema analogico esistente e offre anche una coppia di porte Ethernet in modo da poter fungere da comodo switch o extender per i dispositivi cablati. Come Play:3, può essere configurato in formato verticale o orizzontale.

Ma, attenzione: anche se non sembra enorme, è piuttosto grande 😉

519€ su Amazon .

Sonos One

Il Sonos One è praticamente il Play:1 con un ingrediente extra…….. Amazon Alexa ne fa parte e agisce come assistente digitale.alexa italia sonos one….

Ora puoi controllare gli altoparlanti Sonos tramite Amazon Echo.

Ma l’One è l’unico Sonos Smart Speaker dedicato, quindi puoi usarlo per controllare luci, serrature e simili e chiedere aiuto ad Alexa per varie attività digitali. I comandi vocali di Google Assistant e AirPlay 2 saranno presto disponibili.

(Sonos One non é ancora disponibile in Italia.)

Per la TV

Oltre agli altoparlanti orientati alla musica sopra elencati, Sonos offre anche alcune opzioni per il suono della TV, come la PlayBar e PlayBase.

Sia la Playbar (a partire da 727€) che la Playbase sono collegate al televisore tramite un cavo ottico digitale – il collegamento utilizza HDMI – e oltre a riprodurre il segnale audio del televisore in stereo o Dolby Digital, può anche riprodurre musica dalle stesse sorgenti di un normale altoparlante Sonos e facendo parte di un sistema di altoparlanti multi-room.

Sonos Beam

Il Beam, il più nuovo e compatto membro del clan smart soundbar, è dotato di un singolo tweeter al centro, tre dissipatori passivi e quattro woofer a banda larga. C’è anche un array di controllo vocale a cinque stadi che permette ad Alexa di ascoltare facilmente i comandi a distanza e attraverso ciò che viene riprodotto dagli altoparlanti. AirPlay 2 è anche a bordo, per sincronizzarsi con un HomePod. Questo gadget costa molto, ma se si vuole davvero ottenere il miglior suono dalla TV, si dovrebbe valutare. Impressionante davvero!

449€ su Amazon.

Sonos Playbar

La Playbar può essere montata a parete o sotto il televisore su un dispositivo. È abbastanza semplice regolare il telecomando del televisore in modo che il volume sia controllato e che la scena sonora creata da un singolo altoparlante per i film e gli spettacoli televisivi sia davvero fantastica. Questo rafforzerà di nuovo la playbar. Vale sicuramente la pena di provarlo.

727€ su Amazon.

 

Integrare Sonos in una casa intelligente – Alexa

aleitalia echo alexa itunes musicSonos sta migliorando sempre di più sul fronte Smart Home – il programma Sonos ha fatto salire a bordo partner come Wink, Lutron, Logitech e Yonomi, che rendono possibili cose come l’automazione.

Anche Alexa può essere integrato con Sonos, in modo da poter controllare un Sonos One, Beam e Amp, così come i diffusori Sonos esistenti utilizzando la Sonos Skill. In sostanza, questo significa che è possibile aggiungere il controllo vocale a soli 29€ con un Echo Dot e ridisegnare completamente il vostro setup.

Sonos è anche compatibile con AirPlay 2.

Sono e AirPlay 2

Grandi notizie: l’AirPlay 2 di Apple funziona bene con il tuo sistema Sonos. Sonos One, Play:5 di seconda generazione, Playbase e l’ultima sound bar, Beam, sono tutti diffusori abilitati AirPlay 2 e possono sincronizzarsi con il vostro HomePod e altri diffusori AirPlay 2.

Il resto del gruppo non lo è, ma è possibile includerli pre-gruppiandoli con uno degli speaker sopra elencati. Questo perché i nuovi altoparlanti Sonos fungono da “hub”, mentre quelli vecchi trasmettono solo la musica o il suono.

Sonos e IFTTT

Grazie alla compatibilità IFTTTT, gli utenti di Sonos possono integrare i loro altoparlanti nella più ampia Smart Home in vari modi. Ad esempio, è possibile aggiungere una routine che Sonos utilizza per iniziare a suonare la tua canzone preferita quando lo Smart Lock ti registra a casa, oppure una routine che interrompe la riproduzione di tutta la musica quando Nest rileva del fumo nel rivelatore d’incendio.

L’IFTTTT ha il controllo delle funzioni di riproduzione di base: Pausa/Ripresa/Successivo/Precedente e i controlli del volume. L’integrazione è attualmente in beta e Sonos dice che aggiungerà altre funzionalità durante la fase beta.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: