Amazon Echo/Alexa e Google Home: Il confronto

alexa italia echo google

Amazon Echo/Alexa e Google Home: Il confronto tra i due altoparlanti intelligenti riguarda la musica, la casa intelligente e molto altro ancora.

Un grosso problema con la Smart Home è sempre il confronto delle varie piattaforme, in questo caso la domanda: Amazon Alexa o Google Home? I due altoparlanti intelligenti sono confrontati in questo articolo. Momento dedicato ad Amazon Alexa vs. Google Home! Questo articolo è un po’ più lungo del solito, quindi vi consiglio di prendervi qualche minuto per leggerlo.

Amazon Echo/Alexa e Google Home: Il confronto

Ora confronteremo i due diffusori secondo criteri diversi.

Ho entrambi i diffusori nel mio appartamento: Google Home e Amazon Alexa. La mia è una condizione speciale, perché la maggior parte delle persone non ha uno speaker intelligente o ne ha uno solo. Non solo per risparmiare denaro, ma anche fatica: dopo tutto, non c’è bisogno di riempire casa con tutti questi dispositivi. Amazon Echo ha un piccolo vantaggio di per sé, dal momento che è stato lanciato in precedenza e probabilmente ha più utenti. Google Home, invece, è arrivato da poco in Italia.

In ogni caso, ho usato entrambi i dispositivi per quasi un anno e penso di poter scrivere un piccolo confronto. Non importa se si tratta di musica, domande stupide o della luce – ho entrambi in uso. Entrambi possono fare cose relativamente simili già oggi, e questo è già molto.

alexa italia echo google confronta

Hai davvero bisogno di un altoparlante intelligente?

Naturalmente, questa domanda dovrebbe essere presa in considerazione prima di effettuare un acquisto. Oggi, gli speaker intelligenti sono molto più di semplici altoparlanti, perché svolgono la loro funzione di „assistenti digitali“, ma anche di telecomando e di aiuto pratico nella vita di tutti i giorni. Se si riproduce regolarmente musica diversa e non si desidera controllare dallo smartphone ogni volta, si dovrebbe prendere in considerazione uno speaker.

La possibilità di controllare il programma televisivo arriverà anche in futuro, e anche questa è una buona argomentazione. L’assistente digitale è sicuramente pratico per tutti: legge ricette durante la cottura, legge l’agenda di oggi ad alta voce o fa una rapida ricerca linguistica (quanti cm corrispondono a un pollice, quanti Euro vale un dollaro), queste sono solo alcune applicazioni. Certamente bisogna abituarsi, ma la comodità della ricerca vocale è semplicemente sorprendente e affascinante.

Quali sono i punti di forza di entrambi i dispositivi?

Punti di forza di Amazon Echo

Un Amazon Echo Dot di seconda generazione
Un Amazon Echo Dot di seconda generazione

Se vuoi controllare la tua casa intelligente o utilizzare Amazon Prime regolarmente, prendi in considerazione Amazon Alexa. Amazon Alexa offre più capacità (chiamate Skill in Amazon), mentre Google sta solo recuperando il ritardo. Anche il supporto per la casa intelligente è forte.

Nella versione inglese ci sono circa 15.000 Skill disponibili, in italiano circa 1.000. Leggere le ricette, ordinare la pizza o ordinare un taxi è possibile con Alexa. Nel marzo 2018 Alexa ha ancora un forte vantaggio. Il supporto per la casa intelligente è buono anche con IFTTT e l’hub Zigbee Smart Home integrato in Echo Plus (Zigbee è uno standard per la casa intelligente).

Punti di forza di Google Home

alexa italia echo anello aleitalia google homeAnche Google Home è adatto per la Smart Home e per ascoltare musica. L’integrazione con Google Search è un grande vantaggio: i risultati di ricerca sono ottimi e la connessione ai prodotti Google, come il calendario, è molto pratica. Inoltre, ha una sua utilità il fatto che più utenti possano effettuare il login e dato che Google Home è in grado di distinguere le voci, la multi-utenza funziona senza problemi. Nelle funzioni di base, Google Home può fare ciò che fa Amazon Echo: calendari, promemoria, liste, allarmi e così via. Purtroppo, tuttavia, la loro aggiunta è talvolta onerosa, come nel caso delle voci in calendario.

All’inizio del 2018, il mercato delle Actions è molto più piccolo rispetto ad Amazon. D’altra parte, Google Home può elaborare due comandi insieme, il che è molto pratico nella vita di tutti i giorni. Un vantaggio indispensabile di Google Home è la possibilità di controllare Chromecast a voce. In questo modo è possibile controllare la musica da remoto con comandi vocali. Anche se Alexa ha Skill simili, Chromecast è molto diffuso.

Ora farò un confronto dei due diffusori secondo criteri diversi:

  • Altoparlanti in generale
  • Musica dal vivo
  • Assistenza digitale
  • Casa Intelligente
  • Protezione dei dati
  • Futuro
  • Prezzo
  • Alternative

Altoparlanti in generale

Inizialmente, la maggior parte delle persone utilizzerà il proprio altoparlante intelligente principalmente per la musica. Funzioni di base – liste, calendario, sveglia, domande, lettura ad alta voce sono tutte funzioni incluse. Il supporto per la casa intelligente esiste comune per la maggior parte dei diffusori, quindi ci si dovrebbe aspettare una connessione semplice. Uno speaker intelligente, tuttavia, acquista sempre nella rispettiva piattaforma di riferimento, che può naturalmente essere molto diversa.

Idealmente, un altoparlante intelligente potrebbe eseguire una ricerca su Google proprio come un ordine Amazon, o riprodurre qualcosa in Chromecast e ancora controllare i dispositivi di Smart Home. Purtroppo, però, non è così.

Musica

aleitalia echo alexa itunes musicPer la musica, è importante sapere se l’altoparlante funziona con i dispositivi di streaming esistenti. Sia Echo che Home funzionano con Spotify, TuneIn e Pandora. Per gli utenti di Google Play o Youtube Red, tuttavia, Google Home è la scelta giusta; chiunque utilizzi Amazon Prime Music o Audible dovrebbe dare un’occhiata più da vicino ad Amazon Echo. Se non hai ancora un servizio di streaming, sei libero di scegliere.

Se invece utilizzi servizi come Apple Music (nessuno dei due altoparlanti lo supporta nativamente e probabilmente non lo farà mai), puoi collegare l’altoparlante via Bluetooth. Tuttavia, è contrario allo scopo del controllo vocale dover riprendere uno smartphone, dopo tutto. Gli altoparlanti Bluetooth sono disponibili ad un costo ridotto. Nel marzo 2018 la compatibilità dei servizi è la seguente:

Servizio di Streaming Disponibile su  Amazon Echo Disponibile su   Google Home
Spotify Premium
Spotify Basis No
TuneIn
Pandora
iHeartRadio
YouTube Red No
Google Play No
Amazon Music No
Amazon Prime Unlimited No
Audible
Apple Music No
Soundcloud No

 

Un altro problema durante la riproduzione musicale è naturalmente la qualità del suono. Un dettaglio interessante sia di Home che di Echo è che possono essere collegati ad un impianto audio domestico. Questo è particolarmente utile con Echo Dot e Google Home Mini, che non possono produrre molto suono a causa della loro compattezza. Per me, entrambi i dispositivi sono simili al confronto, ma mentre Amazon Echo ha debolezze udibili nel basso, sono gli alti che Google Home non riesce a riprodurre così bene.

alexa italia echo googleAltre differenze sono che Google Home è di circa 5 decibel più silenzioso (dato misurato in vari test). In stanze molto grandi questo potrebbe essere uno svantaggio. Anche il diverso design è rilevante: Echo ha 7 altoparlanti in tutte le direzioni, mentre Home ha un altoparlante centrale con diffusori passivi sul lato per amplificare i bassi. Di conseguenza, Echo si comporta meglio di lato rispetto a Home.

Infine, si pone la questione dell’assistenza multi-ambiente. Qui, Google Home ha leggeri vantaggi, in quanto è possibile utilizzare diversi dispositivi domestici per riprodurre musica in una o più postazioni. Con l’impostazione di più stanze, non hai nemmeno bisogno di molti Google Home per avere già una configurazione multi-stanza.

Anche Chromecast Audio può essere usato come dispositivo in una struttura multi-ambiente. Ad esempio, se c’è un Home in cucina e l’audio di Chromecast è collegato all’home cinema, si può dire a Google Home in quale stanza deve essere riprodotto qualcosa. Gli altoparlanti e i televisori abilitati a Chrome possono fare lo stesso. Questo può essere controllato anche dall’applicazione home.

aleitalia echo pacco prima generazioneRiguardo i comandi vocali, è anche importante dire il fornitore di musica esattamente e pronunciare il brano con sufficiente precisione, altrimenti i dispositivi non saranno in grado di elaborare il comando.

Amazon Alexa supporta più stanze, creando nell’app gruppi di altoparlanti che puoi chiamare e attivare. Un dispositivo può essere solo in un gruppo. Il multisala di Alexa offre anche i servizi di Amazon Music, TuneIn, iHeartRadio, Pandora e Spotify.

 

Assistenza digitale

Sia Amazon Echo che Google Home dispongono già di tutte le funzioni di assistenza digitale di base necessarie per l’uso quotidiano. Rispondono a semplici domande, possono leggere le previsioni del tempo e gli appuntamenti di oggi, per esempio. La panoramica delle notizie è molto pratica, anche solo la mattina. Liste della spesa, calendari e appuntamenti sono di solito facili da gestire. In entrambi i dispositivi è anche possibile mettere insieme le notizie da soli, personalizzarle: se si vuole ascoltare solo lo sport, ad esempio, è possibile farlo.

La funzione scherzo è integrata in entrambi gli altoparlanti, così come le funzioni di calcolo, che funzionano in modo eccellente. Anche la lettura dell’agenda quotidiana è una funzione pratica. Amazon Alexa può anche ordinare direttamente da Amazon, che funziona bene con gli ordini regolari.

Un punto essenziale per l’assistenza sono le Skill aggiuntive, che sono chiamate Skills in Amazon e Actions in Google. Amazon è avanti con 15.000 estensioni disponibili, ma Google sta recuperando il ritardo. L’integrazione di un applet IFTTT è possibile in entrambi i casi. Tuttavia, le parole d’ordine (gli inneschi) dovrebbero essere scelte in modo da non essere dimenticate.

Casa Intelligente

aleitalia hue luce alexaIl controllo intelligente della casa è un punto essenziale per gli altoparlanti intelligenti. Amazon Echo Dot e Google Home Mini sono un’ottima scelta per tutti coloro che vogliono solo controllare la loro casa intelligente e riprodurre la musica sul sistema audio esterno.  Né Google Home né Amazon Echo sono sistemi perfetti per la casa intelligente, ma possono controllare molte cose già dopo l’installazione. Anche se non sono centri di controllo come SmartThings, sono abbastanza buoni per l’uso quotidiano come telecomando ad attivazione vocale.

Ecco perché è fondamentale quale dispositivo supporta più sistemi per la casa intelligente: si tratta di Amazon Echo. Alexa supporta Nest, Philips Hue, Samsung SmartThings, LIFX, Lutron Caseta, Belkin Wemo e altri ancora. Il nuovo Amazon Echo Plus è dotato anche di un’interfaccia Zigbee. Di seguito è riportato un piccolo confronto delle possibili applicazioni.

Lampade e interruttori:

Lampade e interruttori: Amazon Echo Google Home
Philips Hue
Osram Smart+
Ikea tradfri
Interrutore Teckin No
Presa Amazon No

Hub per Smart Home:

Smart hub: Amazon Echo Google Home
SmartThings
Wink
Logitech Harmony
Insteon No
Scout No

termostati:

Termostati: Amazon Echo Google Home
Tado
Honeywell Lyric No
Sensi No
Netatmo No

 

Amazon Alexa supporta alcuni dispositivi per la casa intelligente nativamente, altri dispositivi richiedono Skill aggiuntive. I dispositivi supportati in modo nativo si trovano nella scheda Smart Home dell’App Alexa, o a questo link. In ogni caso, è importante assegnare un nome e il locale corretto al dispositivo, che può anche essere assegnato ad un gruppo, che può poi essere attivato insieme.

Anche Google Home supporta alcuni dispositivi per la casa intelligente in modo nativo, non è necessario utilizzare il nome del produttore per queste applicazioni. Ad esempio, un „Hey Google, scalda di più“ è sufficiente per impostare il termostato Nest ad una temperatura più alta. Anche gli applet IFTTT possono essere utilizzati, per entrambi i dispositivi.

 

Il prezzo

Esistono già diversi dispositivi per entrambi i diffusori. La classica Google Home è attualmente disponibile nei negozi su Internet a partire da 94 €. Idealo.it mostra che il prezzo è stato abbassato da 139€ nel settembre 2018. Google Home Mini, che è raccomandato da Google per 59€, era disponibile per circa 32€ durante il periodo natalizio 2018. Le altre varianti di colore sono su un livello di prezzo simile.

Riguardo ad Amazon Echo, va notato che è disponibile una nuova seconda generazione, che è un po’ più piccola. Amazon Echo della prima generazione è stato costantemente abbassato nel prezzo e nel marzo 2018 costava circa 110 €; Amazon Echo di seconda generazione costa 99 €. Amazon Echo Dot è rimasto stabile a 55€ dal 2017 al marzo 2018. Echo in generale è molto stabile nel prezzo:

aleitalia-echo-prezzi-20190115
L’andamento del prezzo di Amazon Echo in Germania per un anno fino al 15.01.2019

Il confronto dei prezzi è quindi relativamente incerto, tanto più che entrambi i produttori possono offrire una promozione anche in tempi brevi.

 

Conclusione: Amazon Alexa o Google Home?

Entrambi gli assistenti sono in vantaggio per certi aspetti. Amazon è leggermente migliore per gli utenti domestici intelligenti, Google Home è leggermente migliore per gli appassionati di multimedia, soprattutto in connessione con Google Chromecast. Personalmente, preferisco Google Home. Se volete saperne di più su Amazon Alexa, date un’occhiata al mio manuale di Amazon Alexa. Per coloro che vogliono saperne di più su Google Home, consiglio il mio manuale di Google Home. Clicca sulle immagini per saperne di più! Questo articolo è tra l’altro un estratto da questi libri :-).

alexa-libro-manuale-italianogoogle home manuale italiano
google chromecast manuale italiano

 

 

 

 

 

Rispondi

Un commento su “Amazon Echo/Alexa e Google Home: Il confronto”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: